Il dettaglio della bellezza

 

La bellezza è il portamento

elegante di un’emozione, posata d’improvviso

sui lineamenti di un volto; sui rami forti

di una quercia, e sui saggi movimenti

delle foglie.

E’ quel dettaglio

che di tutti non può diventare e

in molti occhi può oltrepassare.

E’ quella divina essenza che assapora

con i sensi il corpo coinvolto e che

muore quando si spegne

quel sentimento che ha infuocato la ragione.

Può essere un attimo di passaggio o

un attimo che si custodisce in eterno, ma che

muta o che si nasconde.

Bello può essere un balcone ornato di fiori; come bello

può essere un ventre colmo di viscere mescolato ad altra vita.

 

Brutto può essere il bello che dai, perché, per chi riceve il  bello,

nella lista delle sue voglie non è ancora un desiderio.

 

Bello è l’occhio

sempre diverso, di chi cerca la bellezza

e poi la trova

e poi se ne innamora

e poi libera la lascia vibrare

per condividerla e lasciarla ancora andare.

Andare da altri occhi, non solo i suoi

che diventano ancor più belli ad ammirarli

nell’atto della condivisione. Amore.

Lascia un commento