Tutte le pagine di: Stefania Saralli

Le poesie di Corde Tese

(L’Attesa, dipinto di C. Carrà) L’attesa, calma e comprensiva rivelatrice di trepidanti fugaci sfuggirci di istanti trovarsi in cima alla collina immaginare di correre tra fili d’erba e morbida terra vedere il sole che tramonta e con tremante riverbero salutare l’ampiezza del suo raggio farsi scrutare dagli occhi neri dei dipinti che “sembravano veri” laddove i colori mesciati dei capelli celavano volti in fuga ogni forma d’arte prendeva vita qui, […]

Il sentiero d'inverno

Non ebbi il tempo di dirgli addio. Quello che ricordo della Notte di Natale del 2010 è una sfumatura di cielo, limpida dell’eleganza del sole. Mi ero svegliata reprimendo in me un senso di inquietudine, sbadigliando al riflesso di sogno evidente nei miei occhi. Avevo sognato dei cavallini blu, gli stessi che quando ero bambina avevo chiesto ai miei genitori di regalarmi. Non ci potevamo permettere molto – mio padre lavorava […]

A pochi centimetri dalla superficie

Garfagnana, 2012 Enrico era un cacciatore. Sedeva sulla sua poltrona davanti al camino acceso, intento a pulire uno dei suoi migliori fucili. Teneva molto alle sue armi, possedeva più di venti fucili e una decina di pistole semiautomatiche. Era un collezionista. Negli anni era riuscito ad accumulare anche una discreta quantità di pugnali, molti dei quali appartenenti a corpi militari del presente e del passato. Alcuni erano oggetti praticamente introvabili. […]

Spiriti guardiani - Luce e oscurità

“Angel allora parlava sul serio quando ha detto di averti incontrato. Ania ti ha trovato finalmente”, disse una voce possente alle loro spalle. I due si voltarono e scattarono in piedi, presi alla sprovvista dal non essere più soli. Ed ecco due figure stagliarsi nel buio, venuti da chissà dove, silenziosamente. Un uomo dai capelli biondo platino e dagli occhi color fuoco, con denti sporgenti e ben affilati, li guardava attento e […]

La sposa

Le ha fatto cenno di salire e lei si è tuffata dentro. Che fortuna trovare qualcuno disposto a fermarsi con questo tempo, ti notano all’ultimo momento e tirano dritti. Hanno paura di mettere il piede sul freno, o che gli inzuppi i sedili. Ancora un minuto e avrebbe rinunciato, invece adesso è qui al calduccio, lei e il suo vestito, insieme al tizio baffuto. Thank you. Tesekkur ederim. No turkish? […]

Insopportabile

Cambiai canale finché non mi arresi e passai il telecomando a Mirko. Lui spense la tv e mi guardò con un mezzo sorriso. «Che vuoi?!» sbottai. «Non pensavo che indossassi perizomi» disse accarezzandosi il labbro inferiore con il pollice. Rimasi immobile a guardare quello strano gesto. Aveva delle belle labbra, non potevo negarlo. «Perché? Non posso?» «Certo che puoi, mi hai piacevolmente sorpreso.» Alzai gli occhi al cielo. «Smettila!» Mirko […]

E mi troverai fra le parole

1 febbraio 1999 – ore 17.18 Non so nemmeno da che parte cominciare. Scrivere un diario mi sembra una di quelle cose stucchevoli da ragazze … ma gliel’ho promesso. Ho promesso a Rachie che avrei provato. Una pagina al giorno per esorcizzare i miei demoni. Sostiene che mi farà bene. Ecco di cosa potrei parlare!!! Di lei, Rachel. Quale modo migliore per cominciare. Torno indietro con la memoria e il […]

A pochi centimetri dalla superficie

Capitolo 1: Garfagnana, 1986 Quando a pomeriggio inoltrato rientrò a casa con la sua bicicletta, nel cortile c’erano auto parcheggiate dappertutto. Entrò in casa e non trovando nessuno si chiese dove fossero andate tutte quelle persone. Ispezionate le stanze al piano terreno stava per salire al primo piano, quando udì alcuni rumori simili a battiti provenire dalla porta vicino alle scale, quella che portava in cantina. Avvicinandosi gli parve anche […]

Fuori dal panico

Pubblichiamo un estratto del libro “Fuori dal panico” di Monica Bonsangue: Molto spesso nel linguaggio comune si tende ad utilizzare i termini “ansia”, “paura” “fobia” e “panico” come se fossero sinonimi, o confonderli comunque fra loro. In realtà essi si riferiscono amanifestazioni differenti, anche se certamente tutti correlati. Il filo conduttore di questi fenomeni è la paura, e proprio da lei, da questa scomoda inquilina delle nostre menti, incominciamo la […]

Salva te stesso

Per il momento era chiara soltanto una cosa: ciascuno ha la sua vocazione, la sua missione, il suo ruolo. E tutti siamo trascinati nell’ignoto dal flusso delle concatenazioni causali in una realtà incomprensibile ma che percepiamo (singolarmente e tutti insieme). Del resto non è un’idea nuova: «Come sferzati da spiriti invisibili, i solari cavalli del tempo traggono la carrozza lieve del nostro destino; e a noi non resta che farci […]