scritto.io

scritto.io

Debbo capire che grado ho nel  soffrire e se basta una gamba tesa e o un incontro che diventa un carnevale.

Meglio essere pasto che ingrediente.

Ho misurato per il lato lungo del fiume la mia ingenuità, avevo appeso sul primo ramo dell’albero la domanda del secolo. Nulla mi avvicinava alla tecnica dell’abbocco ero il solo a mangiare e bere a volontà. Anche a me sembrava strano, il caffè doveva essere servito caldissimo per labbra nude. Ero più ingenuo di tutti,…

Mi è chiaro  i pesi diventano reali quando un pezzo di cuore si sfilaccia alle sue estreme  conseguenze. Come  cambiano facilmente le cose, neanche i temporali di Camaguey  irrompono così velocemente. Le scorze si modificano  rapidamente sulle radici sopraggiungono  ora rami fatti  da quei germogli i fiori tenderanno alla morte per dare spazio alla loro…

Chi se ne frega degli infortuni che mi crei chi se ne frega se hai il vento che ti porta in fondo alla strada. Meglio per me, chi se ne frega di somigliare ai monti imburrati di neve, sai che ti vengono addosso poi io mi scanso prendo una cazzo di strada, direzione lontano da…

Go to Top