Tutte le pagine di: scritto.io

ASPETTANDO

Aspettando me del pensiero che ho  di stare sotto la pioggia un tempo matto. Aspettando te per il vociare convinto e distinto di un gallo che rinnova il sole e canta come dovremmo fare noi che giochiamo alla guerra per non farcela bastare mai. Aspettando chi vuole stare sulla piazza di un cortile che del sole ne conserva le impronte i bambini traducono in grida. Aspettando perché ? Il mio […]

RIDICOLO

Ho il terrore fondato  di essere ridicolo ai miei occhi.

DIVERSAMENTE DA QUI

Diversamente da qui estraggo il tappo e butto via il fiocco, l’unica formula che mi rimane addosso. Alla fine del suo uso mi piacerebbe vedere appese la sua carcassa, tra le foto del gruppo di noi in piedi. Noi in piedi diversamente da qui, poggiamo le mani in diverse orbite, più di altri misteri. Diversamente da qui non viaggio più neppure un chilometro, neanche un passo. Diversamente da qui ho […]

COLLEMATO

Nel duemila e statti zitta esce allo scoperto una parola nuova. La lingua è insaponata al punto giusto, l’aria di  Collemato sembra un autoclave di speranza una mecca perfetta che si arresta sul velluto della strada del castello. Nella quiete di una sera di Luglio sotto il fresco degli Ippocastani ognuno è vestito di spruzzi, colori assurdi tanto perfetti. Impossibile esserne fuori, impossibile decifrare la matrice. Ti coloro come voglio […]

IL BRUTTO

Il brutto se n’è andato senza salutare e chissà ora dove sarà, chissà. Il brutto sapeva sorridere almeno un po’, aveva l’aria di sentirsi prendere in giro, fino a tre parole. Il brutto mi manca un po’.  

CORAZZA CHE TI AMMAZZA

Sono l’angolo portato dal sole che ha di nuovo bisogno di raccontare a te questo traguardo inutile che hai abbandonato qui da me. Io so stare nel perfetto silenzio e davanti al tuo male zittisco. Che finisca ora e tu abbandoni il bisogno di stare dentro la tua corazza che ti ammazza.  

CAMBIA TUTTO

Cambia tutto, finalmente ! Sai quando, improvvisamente si accende una luce benedetta e le cose intorno diventano così visibili che un palloncino svuota la sua aria in fretta ? Ecco questo è successo cambia tutto, finalmente !

GIUDICHEREI MAI

… poi ci sono quelle donne che giudicano altre, ci camminano sopra, mai a voltarsi, mica c’hanno compassione. Si pongono sui tacchi aggrottano le ciglia fanno passare giusto quell’aria maledetta, e te la fanno vedere dritta dritta. Adesso sembra siano passati ponti e cieli un tavolo bianco donato al tempo non mangio più, il veleno scompare. Sbaglierei a giudicare certe cose vanno solo sotterrate.