Collaboratori

 

Direttrice

  • Carla Parolisi

    "Le grandi passioni sono malattie senza speranza"

    Una vita tra toga e libri!

 

  • Alice SantambrogioAlice Santambrogio

    "Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla."

    Leggo per leggere una delle cose che ci accomuna: la vita.

  • Arianna Di GiorgioArianna Di Giorgio

    "Quando desideri una cosa, tutto l'universo trama affinché tu possa realizzarla"

    Lettrice compulsiva!

  • Carolina De FilippisCarolina De Filippis

    E’ più facile scrivere una poesia.
    Non hai bisogno di silenzio o di un brusio per concentrarti. Non hai bisogno di molto inchiostro e tante pagine. Non hai bisogno di riflessioni.
    La poesia è un’immagine: bisogna solo scegliere se immortalarla su carta, come una foto, oppure lasciarla vagare nei corridoi della mente o dell’anima, a seconda di chi l’ha generata.
    Eccola lì, è pronta!
    Cosa vuoi farne?
    La luminosità giusta è nei versi, il tocco delicato nelle rime, la bellezza nell’insieme dello scatto.
    Click!
    Sì, è molto più facile scrivere una poesia. Per non parlare dell’adrenalina che sale al poeta nel momento esatto in cui la penna si posa sul foglio; quella poi, è unica. Scrive, scrive, poi la punteggiatura, poi i versi che si formano, poi una rima. Fine.
    Ma cosa ha scritto?
    Di che parla?
    Nemmeno lui lo sa. Anche lui ha bisogno di interpretarla, perchè è la prima volta che legge un qualcosa di simile, come se non fosse sua.
    Poi, a seguire, c’è un lungo sospiro, si prende coraggio e si legge: wow!
    “E’ bella questa poesia, quasi mi ci rivedo”. Ma l’autore di cosa avrà voluto parlare?
    Non si sa, e forse, non si saprà mai.
    Le poesie sono facili da scrivere; facili da accostare ad una nostra sensazione profonda, ma aleggia sempre un mistero intorno ad essa: in quel momento, il poeta, che cosa avrà tirato fuori dal cappello magico? Non un coniglio, non una colomba, ma un’emozione; un’emozione segreta che solo quei versi misteriosi conoscono. Versi misteriosi che neanche il poeta stesso scoprirà mai.
    Come un sogno, bello o brutto che sia. Si racconta facilmente, ma chissà qual è il vero significato nascosto. Inutile chiederselo; una risposta chiara, forse, non si otterrà mai.Ma forse, è meglio così. A chi non piace il mistero?
    Di che cosa parla veramente una poesia? Cosa significa “poesia”? Perchè si scrive una poesia? E, soprattutto, di una poesia, il senso emotivamente coinvolto, qual è?

  • Gero marinoGero marino

    "Nella vita siamo tutti surfisti, affrontiamo mille onde controcorrente solo per cavalcarne una decina, cercando sempre di rimanere a galla in mezzo a questo gigantesco oceano di gente"

    Scrittore dipendente!

  • Marika GrellaMarika Grella

    Mi chiamo Marika Grella, sono nata il 02/07/1991 a Torino. Attualmente lavoro come impiegata amministrativa. Ho sempre avuto la passione per la scrittura fin da bambina, quando passavo il tempo immersa nei libri. Ho lavorato presso un'azienda d'informatica per la quale scrivevo articoli su un loro blog, inoltre ho collaborato con un blog di Facebook per la scrittura di articoli inerenti a serie tv. Al momento sto lavorando alla stesura del mio primo romanzo e sto facendo domanda presso alcuni editori, per collaborazioni o lavori di editoria. Nel mio tempo libero inoltre mi diletto nella creazione di gioielli artigianali, e ho un progetto l'apertura di una linea di gioielli e di un brand tutto mio. Il mio sogno nel cassetto è quello di poter trovare lavoro nell'ambito dell'editoria, che mi permette di mantenermi con la scrittura.

  • Selene LuiseSelene Luise

    "Vivendo ho imparato a sognare, sognando ho imparato a vivere"

    Amante di romanzi psico-thriller!

  • SereSere

    "E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un'altra prospettiva"

    Scrivo per far entrare nel mio mondo!

  • Valerio Succi